Tolleranza Zoro – I like Strawoski (meglio tardi…)

Il web ha i suoi velocissimi tempi… e chi “vive” sul web si deve adeguare anche se a volte è proprio dura.

La Z di Zoro

Questo Diego lo sa bene, ma sa anche come far dimenticare ai suoi affezionati lettori la lunga attesa patita tra un video e l’altro della saga “Tolleranza Zoro” con due (dico due) righe di premessa all’ultima puntata “che dopo 2 secondi stai già ridendo e ancora non hai fatto partire il video”. Cito:

“In ritardo, talmente in ritardo che oggi se uno dice gazebo non pensa a Veltroni ma a Berlusconi, arriva la seconda parte della giornata delle primarie, la quarta di Tolleranza Zoro”.

Io ultimamente sono in ritardo su tutto…vivo in ritardo per dirla breve, ma prenderò il ritmo…spero!

Metto qui la quarta e ultima puntata e, per farmi perdonare dai miei 4 affezionati lettori “embeddo” a seguire tutte e 4 le puntate precedenti! Metti che arriva il quinto lettore che non capisce e poi non mi si affeziona!

😉

Tolleranza Zoro – 4a puntata (l’ultima)

Per chi si è perso le altre:

Tolleranza Zoro – Intro

Tolleranza Zoro – 1a puntata

Tolleranza Zoro – 2a puntata

Tolleranza Zoro – 3a puntata

Annunci

Zoro – “La nobile arte” – “l’unico video confronto realizzato tra i 5 candidati alla Segreteria del Partito Democratico”

ECCOLO ECCOLO!

C’ha messo un pò ma alla fine ha partorito…eheh!

Dopo innumerevoli appelli al prosieguo della video saga sul PD da parte di old e new media l’attesa è terminata.

Non aggiungo altro…buona visione:

😉

What is a blog?

Si scrive tanto sui blog e sulla blogosfera.

Sulla rivoluzione intrinseca di cui i new media sono portatori…blog in primis.

Ma haimè se ne SCRIVE…appunto!

Pochi sono gli avvezzi alla lettura in una società tv-centrica in cui tutto ci viene raccontato da uno speaker…ci siamo abituati a guardare e ad ascoltare attivando il minimo sindacale di neuroni…leggere richiede tempo, voglia e fatica.

Ma non vi preoccupate!

Il blog-messaggio arriverà anche a voi!

A tal fine vi posto un bel video di Mario Adinolfi (ho cercato qualcosa di simile interpretato da una cubista ma non ho trovato nulla…) che spiega sinteticamente i vantaggi dell’informazione 2.0.

Buona visione!